Edizioni Solfanelli

Catalogo



COLLANA

la Chimera



L'AUTORE

Bio-Bibliografia



LE OPERE

La regina Mab

Difesa della poesia



BLOG

la Chimera







Percy Bysshe Shelley

LA REGINA MAB

Traduzione e Presentazione di
Maria Laura Capobianco


La Regina Mab

     Percy Bysshe Shelley, oggi celebre soprattutto per le odi e i lunghi poemi composti nella troppo breve maturità della sua vita, negli anni fra il 1811 e il 1814 era noto nel Regno Unito come un rivoluzionario inarrestabile. Espulso da Oxford e ripudiato per le sue dichiarazioni atee, uno Shelley non ancora ventenne intraprese un vagabondaggio per l’Irlanda e il Galles, dove fu testimone dello sconcertante dislivello sociale. Questo bastò ad infiammare il suo animo, spingendolo a comporre il primo dei suoi poemi, La Regina Mab.
     La regina delle fate di shakespeariana memoria compare sulla Terra per prendere con sé lo spirito di una fanciulla addormentata, Ianthe, al fine di mostrarle le tre epoche dell’umanità: il passato, il presente e il futuro. Le epoche passate e presenti traboccano di follia, sconvolte dagli istinti brutali e dalle guerre fratricide reiterate dall’uomo, oltre che dall’opportunismo spietato dei governanti e dalla cecità religiosa. Ma le dolci visioni del futuro confortano Ianthe: l’uomo apprenderà gradualmente a coltivare i doni innati del raziocinio, della fratellanza e della virtù, e creerà sulla Terra quella “realtà del Paradiso” cui il pianeta è destinato.
     Scritto nella vulcanicità della sua gioventù, sotto l’influsso della dottrina della perfettibilità di William Godwin, La Regina Mab subì dure critiche da parte degli ambienti conservatori; ma anche per questo finì per rappresentare il manifesto poetico di tutte quelle teorie rivoluzionarie ancora acerbe nel pensiero di Shelley, ma destinate a dare i loro frutti più perfetti negli anni successivi. Suddivisa in nove canti in versi liberi, con un apparato di diciassette lunghe note, La Regina Mab ebbe un tale successo fra la working-class inglese da essere considerata la “Bibbia del Cartismo”, il movimento sociale basato sulla People’s Charter. Con questa traduzione, la prima e più dirompente opera di Percy Shelley viene resa oggi disponibile ai lettori italiani.




[ISBN-978-88-7497-865-6]

Pagg. 168 - € 13,00





Ordini


Iscriviti alla nostre