Edizioni Solfanelli

Catalogo



COLLANA

Arethusa



L'AUTORE

Bio-Bibliografia



LE OPERE

Da Sartre a Baudelaire

Di un certo consenso al dolore

Il sadismo di Baudelaire







Georges Blin

IL SADISMO DI BAUDELAIRE

a cura di Giuseppe Grasso


Presentazione di Jérôme Thélot


Il sadismo di Baudelaire

     Per penetrare in queste dense pagine, arricchite dalla Presentazione di Jérôme Thélot, bisogna apprezzare la voce singolare di cui era dotato Georges Blin: una nitidezza un po’ fiera nella padronanza della forma, un’altezzosità asciutta ma distinta, una compostezza severa. Il saggio principale del volume spiega la tesi indicata dal titolo. Esiste effettivamente un «Sadismo di Baudelaire», una corrispondenza di vedute e di esperienze fantasmatiche, a proposito del desiderio erotico, fra il poeta e il romanziere.
     Combinando antropologia e psicoanalisi, l’autore svolge una tematizzazione articolata del sadismo baudelairiano, esaminato alla luce dei lavori degli specialisti più accreditati dell’epoca, da Freud a Havelock Ellis, da Krafft-Ebing a Klossowski, ritrovando fra i due autori alcune identiche attestazioni di una stessa relazione col carnale – fatta di crudeltà, di godimento sacrificale e di cosificazione dell’altro – che dimostrano la fondatezza dell’accostamento istituito.
     Il critico si sofferma poi, in un dialogo mai interrotto col pensiero di Sartre, sull’ontologia di ognuno dei due. Se il «sadismo del marchese de Sade tende a servire e a magnificare la natura», quello di Baudelaire «mira a correggerla e a soffocarla». Georges Blin distingue il «positivismo» naturalista del primo dallo «spiritualismo» del secondo, che trova nell’eredità di Agostino e di Pascal una morale gravata dalla colpevolezza, a indicare che siamo lontani dall’autore di Justine e sulle terre del conte de Maistre.
     I due saggi posti alla fine, L’impurità del nido e Note per un’erotica del riso, proseguono quella conoscenza di sé alla cui ricerca Georges Blin si era dedicato fin da giovane. Sono due riprove delle sue capacità ermeneutiche e soprattutto della sua arte nella trasfigurazione letteraria. Il pensatore vi affronta il lato più oscuro delle nostre mozioni segrete, le tentazioni dell’«impurità» e dell’«eroticità», sottomettendo i sentimenti più sfuggenti a un controllo rigoroso e sempre vigile.




[ISBN-978-88-7497-658-4]

Pagg. 120 - € 10,00





Ordini


Iscriviti alla nostre