Edizioni Solfanelli

Catalogo



COLLANA

Micromegas



L'AUTORE

Bio-Bibliografia



LE OPERE

Fondi di bottiglia

Futurismo come prefascismo

Gli spaghettanti dello spirito

Idee e società

Il paradosso italiano

Il primo centro-sinistra

Il senso della sociologia

I miei anni con Adriano Olivetti

La bipolarità tendenziale nelle società industrializzate

La conoscenza partecipata

L'arte nella società

L'Europa al bivio

L'immaginario collettivo americano

La parola e l'immagine

Lettere al Presidente

Musica e Società. Il caso Puccini

Oltre le sabbie immobili

Osservazioni sul lavoro intellettuale

Per l'autonomia operaia

Thorstein Bunde Veblen

Un popolo di frenetici informatissimi idioti







Franco Ferrarotti

MUSICA E SOCIETÀ

Il caso Puccini

Con interventi di Stefano Sabene e Carlo Frajese


Musica e Società. Il caso Puccini

     Questo libro mira a riproporre il caso Puccini perché è un caso tuttora aperto. Indica una questione irrisolta. Esaltato o vilipeso, chi è in realtà Giacomo Puccini? È un intimista romantico, fino alle sdolcinature più stucchevoli, come sostiene Theodore W. Adorno, che lo ritiene il banalizzatore per eccellenza della musica nell’epoca della cultura di massa?
     È vero che in Puccini non mancano i cedimenti al cattivo gusto e che alcuni suoi passaggi possono suonare come siglette pubblicitarie. Sta però di fatto che l’intimismo di Puccini tocca un nervo sensibile, verità profondamente sofferte, sentimenti umani autentici, universali.
     Alla base della perdurante popolarità di Giacomo Puccini c’è questo valore, da lui espresso in maniera originale e geniale attingendo da contesti storici e da personaggi su scala planetaria, dalla Parigi di La Bohème all’Oriente di Madama Butterfly e di Turandot, senza mai cedere alla moda dell’esotismo volgare. In questo senso, Puccini rappresenta il punto più alto di eccellenza raggiunto dal melodramma italiano.

[ISBN-978-88-7497-726-0]

Pagg. 88 - € 8,00


Procedi all'acquisto


Iscriviti alla nostre