Edizioni Solfanelli

Catalogo



COLLANA

Intervento



L'AUTORE

Bio-Bibliografia



LE OPERE

Centralità del mondo periferico

Emarginazione e creatività

Filosofia e ricerca sociale

Fondi di bottiglia

Futurismo come prefascismo

Gli spaghettanti dello spirito

History and Everyday Life

History and Sociology

Idee e società

Il paradosso italiano

Il primo centro-sinistra

Il senso della sociologia

I miei anni con Adriano Olivetti

Italy. An unauthorized Portrait

La bipolarità tendenziale nelle società industrializzate

La conoscenza partecipata

La parola e l'immagine

L'arte nella società

La saggezza opportunistica del politico avveduto

La vocazione del Mediterraneo

Lettere al Presidente

L'Europa al bivio

L'immaginario collettivo americano

Lo sviluppo

Musica e Società. Il caso Puccini

New Historicism and the Lived Experience

Note di viaggio e pagine sparse. Vol. I

Note di viaggio e pagine sparse. Vol. II

Note di viaggio e pagine sparse. Vol. III

Note di viaggio e pagine sparse. Vol. IV

Note di viaggio e pagine sparse. Vol. V

Note di viaggio e pagine sparse. Vol. VI

Note di viaggio e pagine sparse. Vol. VII

Notes towards the Theory of dynastic Capitalism

Oltre le sabbie immobili

Osservazioni sul lavoro intellettuale

Per l'autonomia operaia

Quantità e qualità nella ricerca sociale

Report on the Mafia

Science - For what?

Self-Identity and Cultural Co-Traditions

The hypnotic power of violence

Theory and field-work

Thorstein Bunde Veblen

Toward The End Of Constantinian Christendom

Un popolo di frenetici informatissimi idioti







Franco Ferrarotti

LA SAGGEZZA OPPORTUNISTICA
DEL POLITICO AVVEDUTO

Il caso Clinton

e altre pagine sparse


La saggezza opportunistica del politico avveduto

     Fu nei primi anni ’50 che lo storico americano D. J. Boorstin pubblicò le sue idee sul Genius of American Politics, volendo dire che si trattava di un pragmatismo, anche spregiudicato, ma sempre nel quadro rigido della Costituzione, e quindi non esportabile in altri Paesi. In questo libro è rappresentato da Bill Clinton, già governatore dell’Arkansas e poi presidente, per due mandati, degli Stati Uniti. Il libro documenta la breve, intensa attività giornalistica dell’Autore in quegli anni, dal «Sole/24Ore» al «Corriere della Sera», «Messaggero», «Paese Sera» di Roma, «L’Unità» e «L’Ora» di Palermo al «Secolo XIX» e «Il Lavoro» di Genova.
     Nell’«Appendice» si dà notizia di una previsione circa il crollo dell’impero sovietico-staliniano, che sembrò temeraria, salvo poi a verificarsi nel 1992. Quando l’Autore domandò a Michail Gorbaciov come avesse potuto, singlehandedly, compiere l’impresa, la risposta risultò piuttosto semplice: «Non fu difficile. Era inevitabile. Il famoso discorso di Krusciov al XX Congresso del Partito non era un’accusa; era il “mea culpa” di tutta una classe dirigente».



[ISBN-978-88-3305-205-2]

Pagg. 144 - € 12,00


Procedi all'acquisto


Iscriviti alla nostre