Edizioni Solfanelli

Catalogo



COLLANA

Athenaeum



L'AUTORE

Bio-Bibliografia



LE OPERE

Antonio Gramsci. Una “critica integrale”

Cesare Pavese

Dario Fo

Giulio Cesare Croce: Bertoldo e il mondo popolare

I confini della letteratura

Il «neo-umanesimo» di Nino Pino

Il racconto della realtà

Letteratura e cultura dei ceti subalterni in Italia

Rocco Scotellaro. Mito, storia e poesia

Scrittori piemontesi del Novecento







Antonio Catalfamo

ROCCO SCOTELLARO
MITO, STORIA E POESIA


Rocco Scotellaro. Mito, storia e poesia

     Una cortina di silenzio è calata sulla figura e sull’opera di Rocco Scotellaro, a più di sessant’anni dalla sua morte. La critica “superstite” ha riproposto, con qualche eccezione di rilievo, le opposte unilateralità della precedente, che rappresentava il poeta-sindaco di Tricarico come nostalgicamente legato a un mondo estinto oppure come scrittore «crepuscolare», «ermetico», «decadente».
     Rocco Scotellaro non è un semplice «rievocatore» di miti. Attraverso un processo di razionalizzazione, il vecchio mito contadino, che affonda le radici nei millenni, penetra nel tessuto poetico-narrativo, assumendo nuove valenze simboliche, in una prospettiva progressiva, che lo proietta verso il presente e verso il futuro. L’universo simbolico contadino si arricchisce, dunque, nell’immaginario poetico, di nuovi significati progressivi. In tal senso, il mito si fa storia attuale, diventa la storia non soltanto di coloro che lo hanno creato, ma anche di coloro, in prima fila il poeta (ma anche i suoi compagni di lotta), che lo hanno attualizzato e riempito di contenuti simbolici, morali, politico-ideologici, nonché letterari, nuovi, di matrice progressiva.
     Antonio Catalfamo, nel presente volume, innovando la critica precedente, si propone, per l’appunto, di studiare come si realizza, nell’opera di Scotellaro, l’interconnessione tra «mito», «storia» e «poesia».




[ISBN-978-88-7497-681-2]

Pagg. 184 - € 14,00


Ordini


Iscriviti alla nostre